RACCOLTA NORMATIVA AREE PROTETTE SULLE COLLINE LIVORNESI

RACCOLTA NORMATIVA AREE PROTETTE SULLE COLLINE LIVORNESI

SIR Monte Pelato

Il Territorio delle Colline Livornesi è costituito da un’area geograficamente e geologicamente ben definita.

L’area interessa i Comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo ed è delimitata a ovest dalla città di Livorno e dal Mar Ligure, a Nord dalla SS 555, a est dai  due corsi d’acqua (Tora e Fine) e a sud dal rilievo di Poggio Pipistrello e ancora dal corso del Fiume Fine.

Il Territorio delle Colline Livornesi è interessata da un ricco sistema di aree naturali protette sia nazionali (Riserva Naturale dello Stato di Calafuria), sia regionali/provinciali (Parco Provinciale dei Monti Livornesi – ambiti territoriali della Foresta di Valle Benedetta, Foresta di Montenero e Parco dei Poggetti – e Riserva Naturale Oasi della Contessa), sia regionali/comunali (6 ANPIL, Aree Naturali di Interesse Locale: Foresta di Montenero, Foresta di Valle Benedetta, Parrana S.Martino, Colognole, Torrente Chioma, Parco del Chioma), nonchè da Siti di Interesse Regionale (SIR) appartenenti alla Rete Ecologica Regionale.

Schematicamente il Territorio delle Colline Livornesi è interessato:

  • da AREE NATURALI PROTETTE NAZIONALI
  • da AREE NATURALI PROTETTE REGIONALI/PROVINCIALI/COMUNALI
  • da SITI DI INTERESSE REGIONALE (SIR)(RETE ECOLOGICA REGIONALE)

 

AREE NATURALI PROTETTE NAZIONALI
La riserva naturale di Calafuria è un area naturale protetta nazionale ed è stata istituita con Decreto del Ministero Dell’Agricoltura e Foreste del 13 luglio 1977 (da trovare):

 

AREE NATURALI PROTETTE REGIONALI
Con la Legge Regionale n. 49 del 11/4/1995 la Regione Toscana si è dotata di una organica legislazione sulle aree protette, con la contestuale istituzione di programmi triennali per lo sviluppo e la valorizzazione di tali aree. La Provincia di Livorno ha colto, attraverso il Piano Territoriale di Coordinamento (PTC), le possibilità e le prospettive derivanti dal nuovo quadro regionale, istituendo il proprio “Sistema Provinciale delle Aree Protette” oggetto di specifico “Protocollo di intesa”.

La bozza di “Protocollo di intesa”, concordato, con i Comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo, con il quale veniva individuato il percorso programmatico finalizzato a garantire la istituzione del Parco provinciale e delle A.N.P.I.L. di competenza comunale entro l’anno 1998, ed a costruire un organismo politico-tecnico al quale demandare compiti di programmazione, pianificazione, indirizzo e controllo, nonché la determinaziome della modalità di gestione coordinata del Parco e delle A.N.P.I.L quale sistema integrato delle aree protette dei Monti livornesi, è stata approvata dal Consiglio Provinciale con DCP n. 72 del 1/4/1998 (da trovare).
Il “Sistema regionale delle aree protette” si articola come segue:

Il 9 aprile 2015 è entrata in vigore la nuova legge sul patrimonio naturalistico-ambientale, Legge Regionale n. 30 del 19/3/2015, che comprende il riordino complessivo dell’assetto normativo proponendosi quale “testo unico” in materia”. Al suo interno si trovano le norme relative all’istituzione, alla pianificazione integrata ed alla gestione dell’intero sistema delle aree naturali protette e dei siti di interesse comunitario per la tutela della biodiversità, la disciplina per la Valutazione di Incidenza nonché quella delle Guardie ambientali volontarie (Gav).
In attuazione dell’Art. 113 per il PARCO PROVINCIALE e per le ANPIL potrà verificarsi uno dei 3 seguenti scenari possibili:
1) Il PARCO PROVINCIALE e le ANPIL diventeranno entrambi Riserva Regionale (art2 c2)
2) Il PARCO PROVINCIALE diventerà Riserva Regionale e le ANPIL diventerà SIC o ZPS (art2 c1)
3) Il PARCO PROVINCIALE e le ANPIL usciranno da ogni forma di area protetta (art6)

 

SITI DI INTERESSE REGIONALE (SIR)(RETE ECOLOGICA REGIONALE)
Oltre alla disciplina di riserve naturali, parchi naturali e aree naturali protette di interesse locale, il Territorio delle Colline Livornesi è interessato da un complesso apparato normativo comunitario, nazionale e regionale (consultabile a partire dalla raccolta normativa del Consiglio Regionale (qualora i testi delle disposizioni non fossero disponibili è possibile effettuarne una ricerca sul BURT, inserendo numero e data della disposizione ricercata)), che individua su questo territorio ulteriori aree di rilevanza ambientale definite Siti di Importanza Regionale (SIR) appartenenti alla “Rete Ecologica Regionale”.

Relativamente ai Siti di importanza regionale (SIR) con DGRT n. 644 del 5 luglio 2004, sono state approvate le norme tecniche relative alle forme e alle modalità di tutela e conservazione.

Nello specifico al Territorio delle Colline Livornesi appartengono 2 Siti di Importanza Regionale (SIR), segnalati dalla Regione Toscana nell’ambito del Progetto Life Natura Bioitaly come Siti di Interesse Regionale (sir):

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


8 − otto =

Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.